Elon Musk

Revisione del Mercato 27-02

Revisione del Mercato 27-02

Notizie Forex

Dollaro debole in attesa Powell, sterlina sale su speranze rinvio Brexit

Da: Reuters.com

Il dollaro si mantiene oltre il minimo da una settimana nei confronti delle principali controparti valutarie in attesa dell’audizione alla commissione bancaria del presidente di Federal Reserve Jerome Powell.

Nelle attese degli osservatori, Powell dovrebbe esprimere una valutazione ottimistica sulle prospettive di crescita economica.

Sul fronte del negoziato tra Stati Uniti e Cina sul commercio, il presidente Usa Donald Trump ha espresso fiducia nella vicinanza di un accordo a breve, dopo aver posticipato la scadenza che avrebbe fatto scattare nuovi dazi su 200 miliardi di dollari di merci cinesi dal primo marzo.

Intorno alle 12,20 l’indice del dollaro, che ne traccia l’andamento sulle principali controparti valutarie, cede lo 0,1% circa a 96,345, dopo essere scivolato fino 96,43 nelle contrattazioni sulle piazze asiatiche.

Guadagna terrenno la sterlina, sostenuta dalle indiscrezioni stampa secondo cui la premier britannica Theresa May sarebbe orientata a rinviare il termine del 29 marzo per l’uscita dall’Unione europea, in assenza di un accordo tra le parti.

La valuta britannica sale di 0,72% a quota 1,3190 dollari e avanza della medesima percentuale anche sull’euro, che scivola a 0,8611 da 0,8674 sterline rispetto alla precedente chiusura.

Leggi l’articolo completo qui

Il settore immobiliare USA crolla dell’11,2% al minimo dal settembre 2016

Da: Investing.com

L’edilizia abitativa negli Stati Uniti ha vissuto un dicembre infuocato, tra l’aumento dei tassi di interesse e la maggiore incertezza per le prospettive economiche che hanno causato un crollo degli investimenti.

Le nuove costruzioni sono crollate dell’11,2% ad un tasso annuo destagionalizzato di 1,078 milioni di unità alla fine dell’anno, secondo il Dipartimento per il Commercio USA. Si tratta un dato peggiore delle aspettative di un calo dello 0,5% a 1,250 milioni di unità ed il minimo dal settembre 2016.

I dati sono stati pubblicati in ritardo per via del blocco delle attività amministrative cominciato alla fine del 2018 e durato per tutto gennaio.

Le concessioni edilizie sono aumentate dello 0,3% ad un tasso di 1,326 milioni di unità a dicembre, rispetto alle previsioni di un crollo del 2,8% a 1,29 milioni.

Il mercato immobiliare si è appiattito dopo una lunga espansione cominciata nel 2010.

La Federal Reserve ha alzato i costi di prestito negli ultimi anni e le aziende sono state lente a rispondere alle carenze registrate in alcuni segmenti di mercato, soprattutto nella parte inferiore del mercato.

Le vendite di case esistenti USA sono scese al minimo di tre anni a gennaio, secondo i dati di venerdì.

Leggi l’articolo completo qui

 

Notizie mercato azionario

Tesla, un tweet mette nei guai Musk e il titolo affonda ancora

Da: Investing.com

I nuovi guai con la giustizia per Elon Musk, fondatore di Tesla (NASDAQ:TSLA), stanno attirando le vendite sul titolo che cede il 2%, confermando così l’andamento del pre-market.

Il fondatore di Tesla si è reso ancora protagonista su Twitter, attirando le attenzioni della Sec (Securities and Exchange Commission), l’ente federale statunitense preposto alla vigilanza della borsa valori, analogo all’italiana Consob.

Musk aveva annunciato su Twitter la produzione di 500 mila veicoli nel 2019, quando le previsioni sulle consegne si fermavano a 400 mila. A quel punto, la Sec aveva notato la differenza con le stime di produzione comunicate in via ufficiale lo scorso 30 gennaio.

La Commissione è così intervenuta chiedendo al giudice federale di considerare Elon Musk colpevole di violazione degli impegni presi con la giustizia nel corso dello scorso anno quando promise di stare più attento al contenuto dei post pubblicati sui social network.

Nel dettaglio, l’accordo prevedeva che i dirigenti dell’azienda dovevano approvare qualsiasi dichiarazione scritta nei post che fosse “price sensitive”. Inoltre, l’accordo con la Sec aveva costretto Musk a rinunciare alla carica di presidente del gruppo e a pagare una multa da 20 milioni di dollari.

Già in passato Musk era “inciampato” in un tweet in cui annunciava la ritirata di Tesla da Wall Street, provocando forti movimenti sul titolo.

Leggi l’articolo completo qui

BORSA MILANO in lieve rialzo, bene Banco Bpm, balzo di Fincantieri

Da: Reuters.com

Piazza Affari chiude in leggero rialzo in scia al recupero nel pomeriggio delle borse europee rinvigorite dalle novità emerse sul fronte Brexit.

Il primo ministro britannico Theresa May ha infatti aperto ad un breve slittamento dell’uscita della Gran Bretagna dalla Ue oltre la scadenza ufficiale del 29 marzo.

Un’ulteriore spinta ai mercati è arrivata, oltreoceano, da Wall Street sostenuta dai dati sulle fiducia delle consumatori a febbraio oltre le attese.

Il FTSEMib termina a +0,11%, mentre l’ALL Share avanza dello 0,1%. In Europa l’indice FTSEurofirst 300 guadagna lo 0,45%.

Volumi sull’azionario italiano intorno a due miliardi di euro.

I bancari consolidano il rally della vigilia con un rialzo dell’indice settoriale dello 0,17%. Gli acquisti si concentrano su BANCO BPM (MI:BAMI), maglia rosa del FTSE Mib con +3,6% seguita da UBI (MI:UBI) a +1,9%. Su quest’ultima gli analisti esprimono giudizi positivi in merito al ritorno dell’istituto sul mercato istituzionale con una nuova emissione Tier2 ieri che ha incontrato una solida domanda.

Proseguono gli acquisti su CREVAL, +2,5% con volumi sostenuti anche se inferiori a quelli della vigilia, dopo il cambio al vertice deciso nel weekend.

Positiva SAIPEM (MI:SPMI), in rialzo dello 0,9% sotto i massimi di seduta beneficiando dell’avvio di copertura con “buy” e target a 5,5 euro da parte di Berenberg.

Bene DIASORIN (MI:DIAS) (+1,8%) mentre tra le utility A2A (MI:A2) debole dello 0,7% dopo i risultati del 2018.

Negative TIM (MI:TLIT) (-1,2%) e STM (PA:STM) (-1,5%) in scia ai cali dei rispettivi comparti in Europa.

Balza del 15,9% FINCANTIERI (MI:FCT) dopo conti 2018 superiori alle attese, in un mercato che guarda con attenzione anche alle prossime nomine pubbliche. Oggi è in programma un vertice di governo sul tema, secondo una fonte..

Denaro su PIAGGIO (+6,1%) sulla scorta dei positivi risultati 2018 e dell’outlook incoraggiante sul 2019.

BIESSE scivola di oltre il 7% dopo i risultati 2018 e il piano triennale al 2021.

SOGEFI in calo di oltre il 3% dopo che sulla debolezza dei risultati 2018 e delle prospettive per il 2019 gli analisti hanno tagliato le stime. Equita Sim ha declassato il titolo a “hold” con un target price ridotto del 16% a 2,1 euro.

Leggi l’articolo completo qui

 

Notizie sulle criptovalute

Metà degli investitori alternativi crede che le criptovalute siano una bolla, svela un sondaggio

Da: Cointelegraph.com

Stando ad un sondaggio condotto dal Cayman Alternative Investment Summit (CAIS), numerosi investitori alternativi pensano che le criptovalute siano una bolla finanziaria. I dati dello studio sono stati raccolti durante la sesta edizione di una conferenza annuale organizzata dal CAIS, che ha avuto luogo dal 6 al 9 febbraio.

Per il sondaggio sono stati intervistati circa un centinaio di direttori e manager: fra questi, il 45% afferma che al momento le monete digitali rappresentano una bolla. Il 20, 19 e 16 percento crede che siano invece le equity statunitensi, il mercato dei prestiti e il credito privato a star attraversando un periodo di bolla finanziaria.

Per quanto riguarda le innovazioni tecnologiche che maggiormente influenzeranno il mercato, il 45% degli intervistati ha citato automatizzazione e machine learning, mentre il 38% è certo che sarà la blockchain ad avere il maggiore impatto a livello globale.

Questo mese Matt Hougan, Global Head of Research di Bitwise Asset Management e presidente di ETF.com, ha affermato che “esistono più di 2.000 criptovalute, e il 95 percento di essere è inutile e morirà di morte dolorosa”. A suo parere infatti non saranno le monete digitali, bensì la tecnologia blockchain alla loro base a rivoluzionare il settore finanziario.

Secondo Mike Novogratz, vecchio collaboratore di Goldman Sachs e fondatore della banca per criptovalute Galaxy Digital, nel medio termine un rialzo di Bitcoin (BTC) fino a 8.000$ è del tutto verosimile, ma “non impenneremo verso l’alto come prima.”

Leggi l’articolo completo qui

 

Liberatoria sui rischi: CFD sono degli strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L’ 63.18% dei conti degli investitori retail perdono denaro quando operano con i CFD con questo fornitore. le informazioni contenute in questa revisione del mercato non devono essere interpretate in alcun modo, in quanto contengono consulenza sugli investimenti e/o un suggerimento e/o sollecitazione per qualsiasi attività commerciale e transazione finanziaria. Non c’è garanzia e/o previsione di prestazioni future. EuropeFX, le sue affiliate, agenti, direttori o dipendenti non garantiscono l’accuratezza e la validità di qualsiasi informazione o dato reso disponibile e non si assumono alcuna responsabilità in merito a eventuali perdite derivanti da qualsiasi investimento basato sullo stesso. Il trading di Forex / CFD comporta un alto livello di rischio e può comportare la perdita dell’intero investimento. I Forex / CFD sono prodotti con leva e pertanto il trading di Forex / CFD potrebbe non essere appropriato per tutti gli investitori. Si consiglia di non investire più denaro di quanto si possa permettere di perdere per evitare significativi problemi finanziari in caso di perdite. Assicurati di definire il rischio massimo accettabile per te.

CFD sono degli strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L’ 79.99% dei conti degli investitori retail perdono denaro quando operano con i CFD con questo fornitore. Si dovrebbe considerare se si capisce come funzionano i CFD e se ci si può permettere l’ alto rischio di perdere denaro. Find more details about risk here.

eFXGO! App cellullare iOS ufficiale • Gratuito - disponibile su App Store

4.5/5