Revisione del Mercato 26-6

Revisione del Mercato 26-6

FTSE 100 diminuisce poiché i timori commerciali non mostrano segni di diminuzione

 

Da Victor Reklaitis

 

Gli Stati Uniti hanno perso terreno il Lunedì, con gli analisti che accusano il calo di nuove preoccupazioni su una potenziale guerra commerciale globale, dopo che gli Stati Uniti nel corso del fine settimana hanno continuato a parlare duramente di questo fronte.

 

Gli investitori sono ancora preoccupati del fatto che le tensioni commerciali tra gli Stati Uniti e i principali partner commerciali come la Cina e l’Unione Europea potrebbero trasformarsi in un grosso ostacolo per l’economia globale.

 

Il presidente Donald Trump questa Domenica ha lanciato nuove minacce contro i trader partner Americani, chiedendo loro di rimuovere le barriere commerciali e le tariffe, o di affrontarne le conseguenze.

 

https://www.marketwatch.com/story/ftse-100-falls-as-trade-fears-show-no-sign-of-abating-2018-06-25

 

 

 

Previsioni Di Barclays Per Sterlina Britannica Più Bassa Rispetto L’Euro e Il Dollaro Per il Resto del 2018, Ripresa vista nel 2019

 

Da Gary Howes

 

La Sterlina non aumenterà più rispetto all’Euro ed è destinata a ridursi rispetto al dollaro USA nel resto del 2018, secondo le ultime previsioni valutarie del mutuante Britannico Barclays.

 

Uno spostamento di regime nei mercati dei cambi ha visto l’indice del dollaro USA – un’ampia misura della forza complessiva del dollaro – convertire quella che era una perdita del 4% nel 2018 alla fine del primo trimestre, in un guadagno del 4% vicino alla fine del Giugno. La forza è stata sicuramente avvertita dalla Sterlina, che ora è pari all’1,78% rispetto al dollaro del 2018.

 

Un dollaro forte gioca un ruolo significativo nella decisione di Barclays di ridimensionare le previsioni per i tassi da Sterlina a Dollaro e da Euro a Dollaro questo mese, sebbene la maggior parte del caso per una Sterlina più debole sia interamente il risultato del rischio economico e politico in Regno Unito e in Europa.

 

La Brexit verrà discussa Venerdì 29 Giugno dalle 08:00 B.S.T in poi, quindi cerca i titoli per la questione da consegnare durante la giornata.

 

Tra gli altri importanti driver della Sterlina, la Banca d’Inghilterra, Barclays non prevede alcun rialzo degli interessi nel 2018 quando i mercati in generale prevedono un rialzo dei tassi nel mese di Agosto grazie all’evento di Giugno della Banca d’Inghilterra che conteneva indicazioni inaspettatamente hawkish.

 

https://www.poundsterlinglive.com/gbp-live-today/9324-barclays-pound-to-euro-and-dollar-forecast-mid-year-update

 

 

 

I problemi oltre l’OPEC guideranno i prezzi del petrolio nei prossimi anni – FT

 

Da Dhwani Mehta

 

In un articolo pubblicato dal Financial Times (FT) nel fine settimana, l’editore affronta due questioni chiave al di là della decisione dell’OPEC che modellerà i mercati petroliferi nei prossimi anni.

 

“La prima è la situazione in Venezuela, che è andata di male in peggio negli ultimi due mesi. A breve termine, la situazione rimane la più grande incertezza che incombe sul mercato petrolifero. La produzione nazionale di petrolio greggio è scesa a 1,36 milioni di barili al giorno a Maggio, 600.000 barili al giorno giù rispetto al livello di un anno fa.

 

L’Agenzia internazionale per l’energia ha sollevato la possibilità che la produzione possa scendere a 800.000 barili al giorno l’anno prossimo. Dato il drammatico crollo degli standard di vita Venezuelani, è difficile immaginare che il governo possa rimanere al potere. Ma finora le previsioni sui cambiamenti politici non sono state soddisfatte.

 

Il secondo, e potenzialmente più destabilizzante, problema a più lungo termine è la prospettiva di un forte aumento della produzione del cosiddetto “tight oil” dalle rocce di scisto negli Stati Uniti. La stretta produzione di petrolio è ora in funzione a più di 5 milioni di barili al giorno e quest’anno aumenterà la produzione totale di petrolio negli USA a oltre 11 milioni di barili al giorno – il valore più alto per quasi 50 anni.

 

La crescita della produzione di scisto negli ultimi 10 anni è stata profondamente dirompente, prima per il mercato del gas e poi per il petrolio. Gli Stati Uniti ora sono un esportatore di petrolio e gas e non dipendono più dalle importazioni dal Medio Oriente – uno spostamento con importanti implicazioni politiche “.

 

https://www.fxstreet.com/news/issues-beyond-opec-will-drive-oil-prices-in-coming-years-ft-201806250648

 

 

Prospettive Del Dollaro Australiano Al Ribasso Sulle Crescenti Tensioni Commerciali

 

By Justin McQueen

 

Le crescenti preoccupazioni per una guerra commerciale conclamata tra gli Stati Uniti ei suoi maggiori partner commerciali (Cina e UE) sono state in prima linea nella mente degli investitori. Il trade tit-to-tat ha sputato con gli Stati Uniti e la Cina non ha mostrato segni significativi che entrambe le parti si ritirino, in quanto tale, il dollaro Australiano è entrato nel fuoco incrociato, data la sua grande esposizione all’economia Cinese e con l’incertezza della guerra commerciale destinato a continuare nei mesi a venire, l’AUD potrebbe ridursi. Inoltre, lo svantaggio dell’AUD/USD è chiaro nei mercati delle opzioni con inversioni del rischio a 1 mese, evidenziando che l’inclinazione di AUD è al massimo da Febbraio.

 

https://www.dailyfx.com/forex/market_alert/2018/06/25/Australian-Dollar-Outlook-Bearish-on-Rising-Trade-War-Tensions.html

 

 

Liberatoria sui rischi: le informazioni contenute in questa revisione del mercato non devono essere interpretate in alcun modo, in quanto contengono consulenza sugli investimenti e/o un suggerimento e/o sollecitazione per qualsiasi attività commerciale e transazione finanziaria. Non c’è garanzia e/o previsione di prestazioni future. EuropeFX, le sue affiliate, agenti, direttori o dipendenti non garantiscono l’accuratezza e la validità di qualsiasi informazione o dato reso disponibile e non si assumono alcuna responsabilità in merito a eventuali perdite derivanti da qualsiasi investimento basato sullo stesso. Il trading di Forex / CFD comporta un alto livello di rischio e può comportare la perdita dell’intero investimento. I Forex / CFD sono prodotti con leva e pertanto il trading di Forex / CFD potrebbe non essere appropriato per tutti gli investitori. Si consiglia di non investire più denaro di quanto si possa permettere di perdere per evitare significativi problemi finanziari in caso di perdite. Assicurati di definire il rischio massimo accettabile per te.

CFD sono degli strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L’ 79.99% dei conti degli investitori retail perdono denaro quando operano con i CFD con questo fornitore. Si dovrebbe considerare se si capisce come funzionano i CFD e se ci si può permettere l’ alto rischio di perdere denaro. Find more details about risk here.

eFXGO! App cellullare iOS ufficiale • Gratuito - disponibile su App Store

4.5/5