Revisione del Mercato 26-09

Revisione del Mercato 26-09

Il Dollaro Australiano non riesce a rompere la linea di tendenza cruciale, gli occhi sono puntati sul Fed Risk

Da Justin McQueen

Le crescenti tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina mantengono il dollaro australiano in svantaggio, con la valuta che perde lo 0,7% nelle ultime due sessioni. A sua volta, l’AUD / USD non è riuscito a superare la linea di tendenza principale del 2018, che è rimasta ferma fino a questo momento, di conseguenza, il dollaro australiano è rimasto bloccato nel suo trend ribassista. Tuttavia, un ritorno ai minimi del 2018 potrebbe essere fuori discussione per il momento, poiché un ampio posizionamento short in dollari australiani ($4,9 miliardi), insieme ad un’offerta nel rame e nei prezzi del petrolio potrebbe limitare il lato negativo.

Oggi vedremo l’ultima riunione della politica monetaria della Fed, in cui ci si aspetta che la banca centrale aumenti i tassi di 25 punti base. Stabilito che questo è valutato al 100% dal mercato, l’attenzione sarà concentrata sulla dichiarazione di politica monetaria e sulle proiezioni del punto dot della Fed.

Traders sono nettamente più lunghi rispetto ad ieri e la scorsa settimana, e la combinazione dell’attuale opinione e dei recenti cambiamenti ci dà un orientamento contrario più forte di AUD/USD-ribassista.

https://www.dailyfx.com/forex/market_alert/2018/09/25/AUD-Fails-to-Break-Crucial-Trendline-Eyes-on-Fed-Risk.html

 

80 Dollari Brent e 3 Dollari NatGas annunciano la nuova era dei prezzi dell’energia?

Da Investing.Com

Il picco del greggio del Brent sopra gli 80 dollari al barile e il rialzo del gas naturale oltre il livello chiave di 3 dollari stanno spingendo i banchieri ed i commercianti di Wall Street a chiedersi se la nuova era dei prezzi dell’energia sta arrivando più velocemente del previsto.

Ora, tuttavia, il greggio sembra essere pronto a riscrivere i massimi visti nel 2018 mentre “l’orologio” si sposta verso il voto di Donald Trump del 3 novembre per portare le esportazioni di greggio iraniano a 0 tramite le sanzioni. Allo stesso tempo, le preoccupazioni per le scorte di gas insolitamente basse prima dell’arrivo del consumo del riscaldamento per la stagione invernale stanno facendo sì che i commercianti cerchino i premi per il carburante che sono lontani dai livelli abituali di questo periodo dell’anno.

JP Morgan, il quale ha previsto che il Brent raggiunga una media di 85 dollari nei prossimi sei mesi, afferma “un picco di 90 dollari al barile è probabile” nei prossimi mesi a causa delle sanzioni statunitensi sulle esportazioni di petrolio iraniane, che potrebbero spazzare via fino a 1,5 milioni di barili dai 2,6 milioni di bpd spediti giornalmente dallo stato islamico.

Per quanto riguarda il gas naturale, il bel tempo di settembre ed un decennio vicino agli stock del riscaldamento pre-inverno hanno contribuito a mantenere il mercato al di sopra dei 3 dollari per milione di unità termiche britanniche (mmBtu) presi di mira dai tori.

Mentre quasi nessuno sostiene che i prezzi del gas riconquisteranno i massimi estivi del 2008, quando sono arrivati a oltre $ 13 per mmBtu, pochi possono dire con certezza quanto durerà l’attualeripresa.

https://www.investing.com/analysis/80-brent-and-3-natgas-heralding-the-new-age-of-energy-prices-200345391

 

USD / JPY: Gli orsi continuano a presidiare 113 barriere, la Fed a fuoco

Da Dhwani Mehta

La coppia USD/JPY è vista consolidare il rialzo all’interno di un intervallo familiare nella sessione europea, avendo fallito un altro tentativo di eliminare l’handle del 113.

Il punto rimane supportato dalla debolezza dello Yen dopo i verbali della Bank of Japan (BoJ) pubblicati ieri. I verbali hanno rivelato che alcuni funzionari sono preoccupati dei pericoli delle politiche ultra-facili in corso. Nel frattempo, anche le ultime osservazioni del capo della Kurj Kuroda hanno pesato negativamente sullo Yen.

Ma lo svantaggio dello Yen appare limitato tra le incombenti preoccupazioni commerciali USA-Cina, che tende ad aumentare la domanda di rifugio sicuro per lo Yen. Nel frattempo, il dollaro USA rimane ad un passo dai suoi pari prima della decisione odierna del FOMC, restringendo ulteriormente i tentativi di rialzo in USD/JPY.

https://www.fxstreet.com/news/usd-jpy-bears-continue-to-guard-113-barrier-fed-in-focus-201809250933

 

Le azioni di Amazon declinano in altre declinazioni a breve termine

Da Michael J. Kramer

Lo stock è diminuito di circa il 6% da quando ha raggiunto un massimo intraday di tutti i tempi di 2.050, il 4 settembre. Le analisi tecniche suggeriscono che le azioni potrebbero ridursi del 4% in più, spingendo il titolo in una correzione, con un calo delle azioni del 10% picco.

Qualunque ritiro del titolo è probabile che sia solo a breve termine. Questo perché gli analisti si aspettano che l’azienda fornisca forti guadagni e crescita dei ricavi negli anni a venire.

Le scorte di Amazon sono aumentate da Aprile in un modello tecnico noto come un crescente cuneo. È un modello tecnico ribassista, suggerendo che il titolo cadrà. Le azioni possono scendere ad un prezzo di circa $1840, che è il livello successivo di supporto tecnico.

Inoltre, lo slancio rialzista ha lasciato il titolo. Anche questo suggerisce che il prezzo delle azioni cadrà. L’indice di forza relativa (RSI) è diminuito rispetto al picco di fine gennaio a un livello vicino a 90. Ma il titolo ha continuato a salire, mentre l’RSI ha registrato una tendenza al ribasso, una divergenza ribassista.

Gli analisti sono ancora molto rialzisti sul lungo periodo.

Tuttavia, gli analisti vedono le azioni aumentare, in media del 13% ad un obiettivo di prezzo di $2,164.

https://www.investopedia.com/news/amazons-stock-faces-more-declines-short-term/

 

Il pastore Statunitense detenuto in Turchia sarà liberato

Da Constantine Courcoulas

La lira turca ha guadagnato di più tra i mercati emergenti, tra le speculazioni che un pastore americano detenuto potrebbe essere rilasciato il mese prossimo, ponendo fine ad una disputa tra gli alleati della NATO che ha provocato il caos sulla valuta.

Ci sono “segnali abbastanza promettenti da parte di funzionari statunitensi e turchi di recente” e il processo del 12 Ottobre è ora “molto più di un evento di probabilità 50/50 di quanto non sia stato prima delle precedenti audizioni”, ha detto Henrik Gullberg, uno stratega alla Nomura International Plc di Londra, che ha suggerito agli investitori di assumere una posizione lunga nella valuta turca.

https://www.bloomberg.com/news/articles/2018-09-24/lira-gains-on-hopes-u-s-pastor-held-in-turkey-will-be-released

 

Il curioso caso delle scorte sostitutive altamente consigliate di Citigroup

Da Jennifer Surane

Gli investitori non hanno ‘’abbracciato’’ Citigroup Inc. nel 2018, lasciando il proprio titolo dietro i concorrenti. Ma gli analisti si sono ‘’innamorati’’.

Le azioni della banca di New York – nota per le sue vaste operazioni all’estero – sono rimaste stagnanti quest’anno per le preoccupazioni che potrebbero essere bruciate da una disfatta nei mercati emergenti e da un’incombente guerra commerciale. Tuttavia, un numero crescente di analisti sta suggerendo che è pronto per i giorni più brillanti dopo aver instaurato rapporti di gestione della liquidità con aziende globali e scuotere i dirigenti.

Le azioni di Citigroup sono ora entrambe in ritardo tra le grandi banche commerciali degli Stati Uniti e una delle più raccomandate, con i raccoglitori che ritengono che sia sottovalutato.

https://www.bloomberg.com/news/articles/2018-09-25/the-curious-case-of-citigroup-s-highly-recommended-lagging-stock?srnd=markets-vp

 

Liberatoria sui rischi: le informazioni contenute in questa revisione del mercato non devono essere interpretate in alcun modo, in quanto contengono consulenza sugli investimenti e/o un suggerimento e/o sollecitazione per qualsiasi attività commerciale e transazione finanziaria. Non c’è garanzia e/o previsione di prestazioni future. EuropeFX, le sue affiliate, agenti, direttori o dipendenti non garantiscono l’accuratezza e la validità di qualsiasi informazione o dato reso disponibile e non si assumono alcuna responsabilità in merito a eventuali perdite derivanti da qualsiasi investimento basato sullo stesso. Il trading di Forex / CFD comporta un alto livello di rischio e può comportare la perdita dell’intero investimento. I Forex / CFD sono prodotti con leva e pertanto il trading di Forex / CFD potrebbe non essere appropriato per tutti gli investitori. Si consiglia di non investire più denaro di quanto si possa permettere di perdere per evitare significativi problemi finanziari in caso di perdite. Assicurati di definire il rischio massimo accettabile per te.

CFD sono degli strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L’ 79.99% dei conti degli investitori retail perdono denaro quando operano con i CFD con questo fornitore. Si dovrebbe considerare se si capisce come funzionano i CFD e se ci si può permettere l’ alto rischio di perdere denaro. Find more details about risk here.

eFXGO! App cellullare iOS ufficiale • Gratuito - disponibile su App Store

4.5/5