Istanbul

Revisione del Mercato 16-04

Revisione del Mercato 16-04

Notizie Forex

La frenata della Germania è legata alla crisi turca. E si ripercuoterà su tutta l’Europa

Da: Businessinsider.com

Mentre l’Italia recitava il ruolo un po’ di vittima sacrificale, un po’ di punching ball alla riunione primaverile dell‘Fmi, in Germania il giornalista economico di punta del quotidiano Die Welt, Holger Zschaepitz, srotolova un immaginario fil rouge transatlantico con il giubilato ministro Giovanni Tria e dedicava il suo podcast quotidiano alla revisione del Pil tedesco appena operata proprio dall’Istituto di Washington. Un taglio netto, -0,5% per l’anno in corso e un -0,2% per il 2020. Un qualcosa che proietta la crescita di Berlino rispettivamente allo 0,8% per quest’anno e all’1,4% per il prossimo. Un qualcosa che non solo ha spinto Bloomberg a dedicare il suo approfondimento settimanale al “fragile futuro della Germania” ma ha portato proprio il giornalista tedesco a definire in questo modo la situazione in un tweet: “La Germania è il ragazzo problematico del mondo sviluppato, a detta dell’Fmi”.

E, ricordando la definizione che l’Economist diede della Gran Bretagna pre-Thatcher, ci vuole poco a scivolare dallo status di bimbo problematico a vecchio uomo malato d’Europa. D’altronde, il rallentamento della locomotiva economica continentale non è un qualcosa che abbia colto di sorpresa nessuno. E nemmeno a Berlino, se ne fa mistero. Anche il governo tedesco si appresta infatti a dimezzare le previsioni di crescita per il 2019, visto che a febbraio gli ordinativi delle fabbriche sono crollati del 4,2%, il ribasso più forte da due anni, mentre su base annua la flessione ha toccato l’8,4%, la più pesante in dieci anni.

Leggi l’articolo completo qui

Commercio, via libera paesi Ue ad avvio negoziazioni con Usa

Da: Reuters.com

I paesi dell’Unione europea hanno dato il via libera definitivo all’avvio di trattative commerciali formali con gli Stati Uniti dopo mesi di ritardi dovuti alla resistenza della Francia.

Alla fine, i governi Ue hanno votato a chiara maggioranza di approvare i mandati a negoziare proposti dalla Commissione europea, con il voto contrario della Francia e l’astensione del Belgio.

La Commissione, che coordina le politiche commerciali per l’Unione europea, vuole iniziare le trattative su due binari — uno per tagliare i dazi su beni industriali, l’altro per rendere più facile alle società mostrare che i prodotti rispettano gli standard Ue o Usa.

Leggi l’articolo completo qui

 

Notizie mercato azionario

Goldman Sachs e Citigroup in calo a Wall Street dopo gli utili

Da: Investing.com

Apertura in forte calo per Goldman Sachs Group (NYSE:GS) che cede oltre il 2% al suono della campanella, inizia la seduta debole anche Citigroup (NYSE:C), dopo che entrambe hanno diffuso i dati trimestrali nella giornata di oggi.

Goldman Sachs ha comunicato un calo del 20% degli utili relativi al primo trimestre 2019. Nonostante il dato fosse migliore delle attese degli analisti, questo ha raffreddato gli entusiami che avevano caratterizzato la fine della settimana scorsa e attirato le vendite sul titolo.

Negativa anche Citigroup, che cede intorno all’1%, in controtendenza anche rispetto al suo pre-market USA chiuso intorno alla parità.

Citigroup aveva comunicato un calo del 2% dei ricavi totali, mentre risultava in crescita del 2% l’utile trimestrale.

Venerdì scorso i dati trimestrali avevano visto JP Morgan (NYSE:JPM) avviare la stagione degli utili negli Stati Uniti con una crescita a Wall Street del 4,69%, mentre l’altra protagonista, Wells Fargo, aveva chiuso a -2,62%. Entrambi i titoli oggi vedono prevalere vendite.

Domani, invece, sarà il turno di Bank of America (NYSE:BAC) e BlackRock (NYSE:BLK), previste prima dell’apertura, mentre IBM e Netflix (NASDAQ:NFLX) comunicheranno le loro trimestrali a mercato chiuso.

Leggi l’articolo completo qui

Ue approva riforma su copyright con vincoli per Google, Facebook. Italia contraria

Da: Reuters.com

L’Unione europea ha dato il via libera definitivo alle nuove norme sul diritto d’autore che impongono vincoli a Google e Facebook.

Google e altre piattaforme web dovranno firmare accordi di licenza con musicisti, artisti, autori, editori di notizie e giornalisti per utilizzare il loro lavoro online.

YouTube (Google), Instagram (Facebook) e altre piattaforme di condivisione dovranno inoltre installare filtri per impedire agli utenti di caricare materiali protetti da copyright.

Diciannove paesi, tra cui Francia e Germania, hanno approvato le nuove norme mentre Finlandia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia e Svezia erano contrari. Belgio, Estonia e Slovenia si sono astenuti.

Il Parlamento europeo ha dato il via libera il mese scorso a una proposta che ha messo l’industria creativa europea contro società tecnologiche, attivisti di internet e gruppi di consumatori.

Il dibattito all’interno della Commissione europea è iniziato due anni fa, con l’obiettivo di rivedere regole vecchie di vent’anni per proteggere l’industria creativa europea che vale 915 miliardi di euro e occupa 11,65 milioni di persone.

Leggi l’articolo completo qui

 

Notizie sulle criptovalute

Bitcoin SV: oggi il prezzo scende del 10%

Da: Cryptonomist.ch

Tra tutte le crypto oggi primeggia Bitcoin Cash che si avvantaggia delle difficoltà che sta subendo il prezzo di Bitcoin SV (BSV).

Bitcoin Cash, infatti, sale del 14% con un balzo che la porta ad essere la migliore di giornata, consolidando la quarta posizione nella classifica delle maggiori capitalizzate.

Al contrario, Bitcoin SV perde circa il 10%. Questo ribasso segna l’affondo più gravoso tra le prime 100 coin quotate da Coinmarketcap. Dopo le minacce dei giorni scorsi, Binance infatti delisterà la crypto BSV così come aveva detto il CEO Changpeng Zhao.

CZ aveva minacciato il fondatore di BSV Craig Wright dopo i suoi continuati eccessi che vedevano il sedicente Satoshi Nakamoto annunciare querele e azioni legali nei confronti di un utente Twitter che più volte lo aveva sbeffeggiato accusandolo di falsa acquisizione dell’identità dell’inventore del bitcoin.

Così come promesso, si è passati ai fatti e con un comunicato ufficiale Binance ha confermato il delisting di BSV. Questo avverrà nei prossimi giorni, mentre sino al 22 luglio sarà possibile convertire la crypto BSV fino al totale abbandono. Questa decisione ha quindi fatto scendere a picco oggi il prezzo di Bitcoin SV.

Tra i migliori rialzi emergono Litecoin e EOS, entrambe salgono del 4% dai valore del fine settimana. Il weekend è trascorso senza particolari scossoni, confermando la tenuta dei supporti dell’attuale ciclo mensile.

La capitalizzazione totale continua a rimanere sopra i 175 miliardi di dollari con scambi sostenuti oltre i 45 miliardi di dollari nelle ultime 24 ore.

La dominance di bitcoin rimane agganciata al 52%. Rimane invariata anche la quota di mercato di Ether che rimane poco sopra il 10%, mentre invece XRP continua a scivolare sempre più in basso e ora è quota 7,8%, un valore che XRP non registrava addirittura dallo scorso metà settembre 2018.

Bitcoin (BTC)

Bitcoin, dopo l’affondo che ha visto scivolare i prezzi tra giovedì e venerdì scorso a quota 4.900 dollari, torna a riprendere quota e spingersi nuovamente a ridosso dei 5200 dollari, un livello di resistenza importante in un’ottica bimestrale che continuerà ad essere riferimento anche per i prossimi giorni. Bitcoin non intaccherà il suo trend rialzista con prezzi che continueranno a mantenersi sopra quota 4.600-4.500 dollari.

Ethereum (ETH)

La situazione rimane invariata. Dallo scorso venerdì i prezzi ondeggiano sopra e sotto la soglia dei 165 dollari. Questo livello, dopo essere stato un riferimento per il triplo massimo violato ad inizio mese, ora è una soglia spartiacque.

Un eventuale affondo sotto soglia 165 dollari accompagnato da volumi spingerebbe i prezzi al test dei 155 dollari. Per Ethereum il trend continuerà a rimanere rialzista se i prezzi nei prossimi giorni non segneranno scivoloni a 135 dollari. Un ritorno sopra quota 185 dollari attirerebbe i prezzi quota 200 dollari.

Solamente un affondo in area 4.350 costringerebbe a prendere nuovi i livelli di riferimento.

Leggi l’articolo completo qui

 

Liberatoria sui rischi: CFD sono degli strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L’ 79.28% dei conti degli investitori retail perdono denaro quando operano con i CFD con questo fornitore. le informazioni contenute in questa revisione del mercato non devono essere interpretate in alcun modo, in quanto contengono consulenza sugli investimenti e/o un suggerimento e/o sollecitazione per qualsiasi attività commerciale e transazione finanziaria. Non c’è garanzia e/o previsione di prestazioni future. EuropeFX, le sue affiliate, agenti, direttori o dipendenti non garantiscono l’accuratezza e la validità di qualsiasi informazione o dato reso disponibile e non si assumono alcuna responsabilità in merito a eventuali perdite derivanti da qualsiasi investimento basato sullo stesso. Il trading di Forex / CFD comporta un alto livello di rischio e può comportare la perdita dell’intero investimento. I Forex / CFD sono prodotti con leva e pertanto il trading di Forex / CFD potrebbe non essere appropriato per tutti gli investitori. Si consiglia di non investire più denaro di quanto si possa permettere di perdere per evitare significativi problemi finanziari in caso di perdite. Assicurati di definire il rischio massimo accettabile per te.

CFD sono degli strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L’ 79.99% dei conti degli investitori retail perdono denaro quando operano con i CFD con questo fornitore. Si dovrebbe considerare se si capisce come funzionano i CFD e se ci si può permettere l’ alto rischio di perdere denaro. Find more details about risk here.

eFXGO! App cellullare iOS ufficiale • Gratuito - disponibile su App Store

4.5/5