ECB

Revisione del Mercato 10-04

Revisione del Mercato 10-04

Notizie Forex

Dollaro sotto pressione aiuta euro, sterlina cede terreno, focus su Bce

Da: Reuters.com

Il dollaro sotto pressione favorisce l’euro prima del Consiglio della Bce.

Intorno alle 16,50 italiane l’euro è a quota 1,1273 in rialzo dello 0,1% circa.

Il dollaro è in calo, nel giorno in cui Washington minaccia di imporre dazi su una serie di prodotti dell’Ue come ritorsione per i sussidi europei al settore aereo [nL8N21R1RR].

Il focus è sul Consiglio Bce di domani, dopo le speculazioni sulla possibilità che Francoforte adotti nei prossimi mesi una modulazione dei tassi di interesse per alleggerire la pressione sul settore bancario.

La sterlina perde terreno, in attesa che domani in un vertice straordinario a Bruxelles la premier britannica Theresa May chieda un’ulteriore proroga dell’uscita dall’Ue. Alle 16,50 circa la moneta britannica scambia a 1,3050 dollari e contro l’euro a 86 pence, in entrambi i casi in leggero calo.

Leggi l’articolo completo qui

Fmi taglia stime pil Italia, +0,1% 2019

Da: Ansa.it

Il Fmi taglia le stime di crescita per l’Italia nel 2019. Dopo il +0,9% del 2018, il pil e’ atteso crescere quest’anno dello 0,1%, ovvero 0,5 punti percentuali in meno rispetto alle previsioni di gennaio e 0,9 punti percentuali in meno rispetto alle stime di ottobre 2018.
Invariata a +0,9% la crescita per il 2020. La crescita e’ stata rivista al ribasso in seguito alla ”debole domanda interna mentre i rendimenti restano elevati”.

E secondo il Fondo ”Una prolungata incertezza di bilancio e elevati spread in Italia, soprattutto se associati a una più profonda recessione, potrebbero avere ricadute negative sulle altre economie dell’area euro”. La seconda meta’ del 2018 e’ stata particolarmente debole, e questa debolezza si e’ protratta nel 2019. I timori che restano riguardano gli elevavi livelli di debito: la crescita e’ debole. Lo afferma il capo economista del Fmi, Gita Gopinath, parlando dell’Italia ma senza commentare l’ipotesi di una flat tax. ”Dobbiamo attendere i dettagli”

IN RIBASSO ANCHE PREVISIONI PIL MONDIALE L’economia mondiale rallenta. Il Fmi stima una crescita del 3,3% quest’anno, ovvero 0,2 punti percentuali in meno rispetto alle stime di gennaio e 0,4 punti percentuali in meno sull’ottobre 2018. Per il 2020 la stima e’ del +3,6%, invariata su gennaio e in calo di 0,1 punti sulle previsioni di ottobre.

Leggi l’articolo completo qui

 

Notizie mercato azionario

Wall Street giù, emergono nuovi timori per il commercio

Da: Investing.com

Le borse sono in discesa all’apertura di questo martedì, i nuovi timori per il commercio globale legati ad altri dazi pesano sul sentimento.

L’indice Dow segna -0,9%, mentre l’indice S&P 500 registra -0,6%. L’indice Nasdaq Composite scende dello 0,33%.

I mercati azionari globali sono sulle spine dopo la notizia che gli Stati Uniti minacciano di imporre dazi su centinaia di prodotti europei in risposta agli aiuti forniti ad Airbus. L’Unione Europea ha cominciato i preparativi per rispondere ai sussidi dati a Boeing (NYSE:BA), ha reso noto un funzionario UE.

Gli investitori sono preoccupati inoltre per i risultati trimestrali, con la stagione degli utili che sta per cominciare e le previsioni di un calo dei profitti del primo trimestre delle compagnie dell’indice S&P 500.

“Gli investitori ora si chiedono, se le compagnie non stanno più facendo aumentare gli utili, allora quanto vorranno pagare per questi utili”, afferma Kim Forrest, a capo degli investimenti di Bokeh Capital Partners.

“I dati sull’occupazione non necessariamente sono tanto male quanto la maggior parte di noi pensava, ma tutti aspettano la stagione degli utili per capire cosa si aspettano in futuro le singole compagnie”.

Tra i titoli più attivi, quello di Wynn Resorts (NASDAQ:WYNN) crolla del 4% dopo aver confermato l’offerta da 7,1 miliardi di dollari per l’operatore australiano di casinò Crown Resorts.

American Airlines (NASDAQ:AAL) segna un crollo del 2,3% sulla scia delle previsioni riviste al ribasso per il primo trimestre.

E Novartis ADRs (NYSE:NVS) registra un tonfo del 10,5% dopo lo spinoff della divisione di prodotti per la cura degli occhi Alcon.

Leggi l’articolo completo qui

Borsa Milano negativa, pesanti Prysmian e Saipem, banche stabili, Poste su massimi

Da: Reuters.com

Piazza Affari chiude negativa, penalizzata dall’andamento degli altri mercati europei e Usa ma anche dalla bozza del Def che prevede un record del rapporto debito/Pil quest’anno.

BANCHE positive; oggi spicca BANCO BPM (+1%), che ieri si è mosso in linea con il settore, nonostante le affermazioni dell’AD che ha escluso un’integrazione con MPS (-0,39%) e ha parlato di M&A con istituti limitrofi. Bene UBI (+0,16%) e UNICREDIT (+0,27%).

CNH INDUSTRIAL cede l’1,47%, giù anche FCA (-1,1%). Ieri il Ceo di Cnh ha detto a Reuters che Iveco, periodicamente al centro di speculazioni su una possibile cessione, resta core per il gruppo, ma la strategia è in fase di revisione.

TELECOM ITALIA in lieve rialzo, ma lo spread tra ordinarie e risparmio tocca un nuovo minimo storico sotto quota 4 cent. Senza impatto il taglio del rating.

Nuovo rialzo di POSTE (+0,36%), promossa ieri da Deutsche Bank con un target a 10 euro [nFWN21O043]. Il titolo ha toccato un nuovo massimo storico nel durante a 9,07 euro.

PRYSMIAN pesante, lascia sul terreno il 4,78% sulla notizia che alcuni test al collegamento ad alta tensione hanno fatto scattare il sistema di protezione, mettendo l’infrastruttura fuori servizio.

TECHNOGYM (-4,43%) si adegua al prezzo dell’accelerated bookbuilding, 10,30 euro, attraverso il quale l’azionista di maggioranza Wellness Holding ha venduto una quota del 6,96% della società.

Male SALINI IMPREGILO in flessione del 4,2% vittima di prese di beneficio.

Nel settore oil forti vendite su TENARIS (-2,67%) e SAIPEM (-3,9%) realizzata dopo i recenti guadagni.

Fra i media fiacca MEDIASET (-1%). Oggi è stata rinviata al 22 ottobre l’udienza di merito da parte del Tribunale di Milano sul reclamo presentato da Simon fiduciaria, a cui Vivendi ha conferito il 19,19% del capitale di Mediaset per annullare le decisioni assunte dall’assemblea del Biscione dello scorso 27 giugno. Giovedì prossimo nuova puntata, con un’altra assemblea convocata sul bilancio 2018 e sul voto maggiorato.

Proseguono gli acquisti su MOLMED (+6,9%); il newsflow resta limitato all’autorizzazione alla sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6 di qualche settimana fa.

Leggi l’articolo completo qui

 

Notizie sulle criptovalute

Criptovalute, Cina pronta a mettere al bando il mining. Traballa il bitcoin

Da: Ilsole24ore.com

iornata di nervosismo per il bitcoin dopo che giungono segnali dalla Cina che le autorità sarebbero intenzionate a mettere al bando le attività di mining di crptovalute, assestando un nuovo duro colpo al trading di questi strumenti in quello che è ancora oggi il maggior mercato mondiale. Dopo un periodo di ascesa che lo ha portato a guadagnare il 25% da inizio aprile, il bitcoin ha registrato un colpo di freno, assestandosi a 5.200 dollari in chiusura di giornata europea da un picco di 5.300 in mattinata.

A dare il via alle correnti di vendita è stato l’annuncio da parte della National Development and Reform Commission (Ndrc) di aver inserito questo giovane settore industriale nell’elenco delle attività che vorrebbe mettere al bando, segnalando il crescente nervosismo da parte delle autorità ufficiali di Pechino nei confronti di un settore che ha rappresentato una forma di guadagno non sempre trasparente ma anche una modalità per esportare valuta.

La Cina è il principale mercato mondiale di mining e di attrezzatura per mining, tra cui figurano grandi produttori come Bitmain, che ha recentemente cancellato i progetti per una Ipo plurimiliardaria. Il mining è l’attività che sfrutta enormi quantità di potere computazionale per risolvere complessi problemi matematici permettendo di certificare le transazioni della blockchain mediante la creazione di un nuovo blocco della blockchain in cambio di nuovi bitcoin.

Pur senza indicare una data per l’eventuale bando, l’agenzia di pianificazione Ndrc ha inserito questa attività nell’elenco di oltre 450 altre che considera poco sicure, dannose per l’ambiente e fonte di spreco di risorse. Si calcola che l’attività di mining a livello globale arrivi a consumare 42 terawattora di elettricità l’anno. Pechino ha già vietato le Ico, le offerte pubbliche iniziali di criptovalute per fianziare attività e ristretto l’operatività delle piattaforme di exchange.

Ma sono in molti a vedere di buon occhio una eventuale misura di contentimento del mining in Cina, dal momento che potrebbe rendere il mercato meno dipendente dalle enormi “server farm” cinesi che hanno conquistato un enorme potere negoziale all’interno di un mercato dove finisce per prevalere la legge del più forte.

Leggi l’articolo completo qui

 

Liberatoria sui rischi: CFD sono degli strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L’ 79.28% dei conti degli investitori retail perdono denaro quando operano con i CFD con questo fornitore. le informazioni contenute in questa revisione del mercato non devono essere interpretate in alcun modo, in quanto contengono consulenza sugli investimenti e/o un suggerimento e/o sollecitazione per qualsiasi attività commerciale e transazione finanziaria. Non c’è garanzia e/o previsione di prestazioni future. EuropeFX, le sue affiliate, agenti, direttori o dipendenti non garantiscono l’accuratezza e la validità di qualsiasi informazione o dato reso disponibile e non si assumono alcuna responsabilità in merito a eventuali perdite derivanti da qualsiasi investimento basato sullo stesso. Il trading di Forex / CFD comporta un alto livello di rischio e può comportare la perdita dell’intero investimento. I Forex / CFD sono prodotti con leva e pertanto il trading di Forex / CFD potrebbe non essere appropriato per tutti gli investitori. Si consiglia di non investire più denaro di quanto si possa permettere di perdere per evitare significativi problemi finanziari in caso di perdite. Assicurati di definire il rischio massimo accettabile per te.

CFD sono degli strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L’ 79.99% dei conti degli investitori retail perdono denaro quando operano con i CFD con questo fornitore. Si dovrebbe considerare se si capisce come funzionano i CFD e se ci si può permettere l’ alto rischio di perdere denaro. Find more details about risk here.

eFXGO! App cellullare iOS ufficiale • Gratuito - disponibile su App Store

4.5/5