Huawei

Revisione del Mercato 06-11

Revisione del Mercato 06-11

This post is also available in: en de

Notizie Forex

Dollaro sotto pressione su andamento tassi Usa, timori recessione

Da: Reuters.com

Dollaro in rialzo ma ancora sotto pressione dopo che l’inversione di una porzione della curva dei tassi Usa fa temere per l’eventualità di una recessione.

I timori sono stati innescati ieri quando il tasso del due anni è salito oltre quello del titolo a 5 anni per la prima volta in oltre un decennio.

La cosiddetta ‘inversione’ della curva dei tassi suona per molti investitori come un campanello d’allarme per un possibile rallentamento dell’economia Usa.

“Nella fase iniziale dell’inversione della curva dei tassi i mercati sono preoccupati e regiscono in modo più marcato ai dati deboli rispetto a quelli forti”, spiega Masafumi Yamamoto, responsabile currency strategist di Mizuho Securities.

La recente debolezza del dollaro si colloca sullo sfondo della tregua temporanea nella guerra dei dazi tra Usa e Cina.

Il dollaro è sotto pressione da quando il numero uno della Federal Reserve Jerome Powell ha detto che i tassi di interesse Usa sono vicini a livelli neutrali, un messaggio interpretato dal mercato come un segnale di rallentamento nel percorso di rialzo dei tassi.

Secondo gli analisti di Commerzbank, senza una soluzione al confronto Italia-Ue sulla manovra il cambio euro/dollaro è destinato a scambiare in un range di 1,12-1,16.

Leggi l’articolo completo qui

Sterlina su, crescono le speranze di evitare la Brexit

Da: Investing.com

La sterlina sale questo mercoledì, estendendo i rialzi della giornata, mentre la crescente opposizione all’accordo sulla Brexit proposto dal Primo Ministro britannico Theresa May ha spinto alcuni investitori a cominciare a valutare le probabilità di evitare del tutto il divorzio.

Il cambio GBP/USD sale dello 0,41% a 1,2767 alle 08:56 ET (13:56 GMT), dopo essere sceso al minimo dal giugno 2017 ieri.

L’euro scende contro la sterlina, con la coppia EUR/GBP giù dello 0,19% a 0,8899.

L’opposizione all’accordo sulla Brexit è aumentata questo mercoledì, dopo che il governo di May è stato costretto a pubblicare una consulenza legale secondo cui il Regno Unito potrebbe restare legato in modo indefinito all’orbita dell’Unione Europea.

May è stata spinta dal Parlamento a pubblicare l’opinione del principale legale del governo circa l’ultima spiaggia, la barriera di confine, per impedire il ritorno dei controlli doganali tra la britannica Irlanda del Nord e la Repubblica irlandese, membro UE.

“Malgrado le dichiarazioni nel Protocollo in base al quale non è previsto che sia permanente e la chiara intenzione delle due parti secondo cui dovrà essere sostituito da accordi alternativi e permanenti, per le norme internazionali il Protocollo avrà una durata indefinita fino a quando non sarà rimpiazzato da un accordo sostitutivo”, si legge.

“In assenza di un diritto di conclusione, esiste il rischio legale che il Regno Unito possa diventare soggetto a protratti e ripetuti round di negoziazioni”.

Dopo la serie di umilianti sconfitte parlamentari subite da May ieri che hanno fatto sorgere nuovi dubbi circa la sua capacità di far approvare l’accordo, la banca di investimenti USA J.P. Morgan ha affermato che le probabilità che il paese faccia dietrofront sulla Brexit stanno aumentando.

La Brexit, il più grande cambiamento economico e politico del Regno Unito dai tempi della Seconda Guerra Mondiale, ha ripetutamente messo in crisi la politica britannica dopo il voto shock del 2016 per lasciare l’UE.

Ora May sta cercando di far approvare il suo accordo da un Parlamento che sembra invece intenzionato a bocciarlo durante il voto dell’11 dicembre. Non è chiaro cosa succederà se l’accordo dovesse essere respinto, dal momento che il paese dovrebbe lasciare l’UE il 29 marzo.

Se il Parlamento dovesse rifiutare l’accordo, May ha avvertito che il paese potrebbe uscire senza accordo o che la Brexit potrebbe saltare.

DIETROFRONT SULLA BREXIT?

Ieri, a poche ore dall’inizio dei cinque giorni di dibattito al Parlamento britannico sull’accordo per la Brexit di May, un legale della Corte di Giustizia Europea ha affermato che il Regno Unito potrebbe tornare sui suoi passi.

“Il Regno Unito sembra ora avere l’opzione di revoca unilaterale e sembra volersi prendere un periodo di tempo per riflettere e decidere la prossima mossa”, scrive in una nota ai clienti l’economista di J.P. Morgan Malcolm Barr.

Secondo lui, c’è una probabilità del 10% di una Brexit senza accordo, in calo dal 20% precedente, e del 50% di una Brexit ordinata, rispetto al 60% iniziale. La possibilità che non ci sia affatto una Brexit è raddoppiata dal 20% al 40%, un segnale di quello che è forse il cambiamento maggiore del sentimento dal voto del 2016 per l’uscita.

Il ministro del commercio britannico, pro-Brexit, Liam Fox ha affermato che è ora possibile che la Brexit non avvenga. C’è stato il pericolo che il Parlamento potesse cercare di “rubare” la Brexit ai britannici, ha riferito Fox alla commissione parlamentare stamane.

Sebbene i Conservatori di May e il principale partito all’opposizione, quello Laburista, affermino di rispettare il voto del 2016 favorevole all’uscita, sempre più legislatori di secondo piano asseriscono che l’unica soluzione potrebbe essere un nuovo referendum che dia agli elettori l’opzione di restare nell’UE.

Leggi l’articolo completo qui

 

Notizie mercato azionario

Usa fanno arrestare la leader di Huawei

Da: Ansa.it

Le autorità canadesi hanno arrestato a Vancouver la direttrice finanziaria della Huawei, Meng Wanzhou, che ora rischia l’estradizione negli Usa dove è in corso un’indagine per accertare se il colosso cinese ha violato le sanzioni all’Iran.

L’arresto di Meng Wanzhou, figlia del fondatore della societa’, e’ destinato probabilmente ad aumentare le tensioni tra Usa e Cina nel campo tecnologico, dopo la recente tregua sui dazi. Venerdi’ e’ prevista l’udienza in cui il giudice decidera’ se rilasciarla su cauzione. In ogni caso e’ stata arrestata su richiesta degli Usa, che intendono chiedere l’estradizione.

Huawei, uno dei piu’ grandi produttori cinesi di telefonini, e’ finita nel mirino delle autorita’ americane per timori legati alla sicurezza: l’acquisto e l’uso di telefonini Huawei e’ stato vietato nelle agenzie governative.

Leggi l’articolo completo qui

Il Parlamento inglese: Facebook ha dato accesso privilegiato ai suoi dati ad alcune società

Da: Repubblica.it

L’Inghilterra non porta bene a Facebook. Il social network è stato accusato stamane dal Parlamento britannico di avere discusso la possibilità di dare accesso preferenziale ai dati dei propri utenti ad aziende che spendono almeno 250 mila dollari in pubblicità su piattaforme mobili.

La commissione digital media della camera dei Comuni ha pubblicato estratti di conversazioni private del 2012 fra dirigenti di Facebook, incluso il suo fondatore Mark Zuckerberg, da cui risultano ipotesi di “accordi preferenziali” con Netflix, Airbnb e altre compagnie riguardo al loro accesso ai “big data” del social network.

È un nuovo scandalo che colpisce Facebook a Londra dopo quello di Cambridge Analytica, la società inglese accusata di avere trafugato informazioni su centinaia di migliaia di utenti del social network per manipolare campagne elettorali in vari Paesi. In quel caso fu una “talpa” di Cambridge Analytica a rivelare i controversi rapporti con Facebook. Stavolta l’indiscrezione è giunta dopo la confisca di documenti di Six4Three, una società che sviluppa applicazioni per telefonino, che ha fatto causa a Facebook in California.

La settimana scorsa Ted Kramer, amministratore delegato di Six4Three (la cui più famosa app, Pikini, permette di individuare profili di donne in bikini), è stato raggiunto da un ispettore del Parlamento britannico nell’albergo in cui alloggiava nella capitale britannica e costretto a seguirlo ai Comuni, dove ha dovuto consegnare i materiali in suo possesso.

Le email di cui è venuto a conoscenza il Parlamento di Westminster rivelano altre pratiche commerciali discutibili da parte di Facebook nei confronti di social network concorrenti o per procurarsi prima degli altri una app popolare. La nuova vicenda occupa stasera l’apertura dei maggiori siti giornalistici inglesi, dal Guardian al Financial Times.

Un portavoce di Facebook ha respinto le accuse affermando che i documenti di Six4Three danno un quadro “fuorviante” e privo di contesto della situazione. “Come ogni azienda, abbiamo discussioni interne sui vari modi in cui possiamo costruire un modello sostenibile per la nostra piattaforma, ma restano in vigore i cambiamenti che abbiamo fatto nel 2015 relativi al divieto di condivisione di dati con aziende. E i fatti parlano chiaro, non abbiamo mai venduto i dati dei nostri utenti”.

Leggi l’articolo completo qui

Borsa Milano chiude in lieve ribasso, banche positive, bene Diasorin (+3,6%)

Da: Reuters.com

Piazza Affari chiude in lieve ribasso, recuperando sull’apertura in terreno nettamente negativo e sovraperformando rispetto alle altre borse europee.

Il mercato è calmo, gli scambi restano su volumi non eccessivamente sostenuti.

Il FTSEMib chiude a -0,1% e l’Allshare segna -0,2%. Volumi a 1,75 miliardi.

Lo STOXX è negativo per -1,1%, in linea con Francoforte e Parigi.

Le BANCHE chiudono in terreno positivo, con l’indice nazionale che sale dello 0,9% rispetto al -0,7% dello Stoxx europeo di settore. Le migliori sono BPER (+1,9%) e UBI (+1,8%).

Migliore del listino principale DIASORIN (+3,6%), che nel secondo giorno di quotazione sul FTSE Mib prende il volo e sale fin oltre il +4%, andando temporaneamente in asta di volatilità.

Rimbalza MONCLER che ieri aveva lasciato sul terreno il 3,7%.

Ben comprati i titoli difensivi, ad esempio le utility come A2A, ITALGAS, ENEL, SNAM RETE, TERNA.

Giù STM, in calo del 3,2%, con gli stoxx europei di settore che perdono l’1,8%.

Male anche BUZZI, che perde 4,2%, su cui pesa il downgrade di JpMorgan (a ‘Neutral’ da ‘Overweight’ con target price che passa a 20 euro da 25) e l’andamento negativo del settore. Pesante TENARIS che chiude a -1,9%.

TREVI FINANZIARIA balza di oltre il 20% e chiude a +16,8%, dopo aver accettato l’offerta presentata da Megha Engineering & Infrastructures (Meil) per l’acquisizione di Drillmec e Petreven, che prevede una valorizzazione delle partecipazioni basata su un enterprise value di 140 milioni.

FIAT CHRYSLER (FCA) debole (-1,6%), peggio dello Stoxx europeo (-1%), dopo l’annuncio del possibile accordo tra Ford e Volkswagen che rafforzerebbe i due concorrenti.

Fuori dal listino principale, JUVENTUS chiude tra i migliori (+9,3%) in netto rialzo dopo le valutazioni di analisti riportate dalla stampa, che vedono un passaggio all’indice principale.

Leggi l’articolo completo qui

 

Notizie sulle criptovalute

Il Ethereum scende sotto quota 99,96, in calo del 7%

Da: Investing.com

Investing.com – Il Ethereum scende sotto il livello di $99,96 in questo Giovedì. Il Ethereum era scambiata a 99,96 alle 06:00 (05:00 GMT) sul Investing.com Index, in calo del 7,80% a livello giornaliero. Si tratta della maggiore perdita giornaliera dal 24 Novembre.

Il calo porta la capitalizzazione di mercato del Ethereum a $10,47B, rappresentando il 8,75% del totale delle criptovalute. Ai suoi massimi, la capitalizzazione di mercato del Ethereum aveva raggiunto quota $135,58B.

Il Ethereum era scambiato all’interno di un range compreso tra $99,96 e $103,83 nel corso delle precedenti 24 ore.

Durante gli ultimi 7 giorni, il Ethereum era vista in calo, evidenziando una perdita del 15,69%. Il volume di scambio del Ethereum nel corso delle ultime 24 ore, era al momento della scrittura di $1,98B, corrispondente al 13,89% del volume totale delle criptovalute. Gli scambi si mantenevano all’interno di un range compreso tra $99,9586 e $127,0822 durante gli ultimi sette giorni.

Al suo prezzo attuale, il Ethereum è ancora inferiore del 92,98% dal suo massimo storico di $1.423,20 toccato il 13 Gennaio.

Altrove nel mercato delle criptovalute

Bitcoin scambiato a $3.747,1 sul Investing.com Index, in calo del 3,96% su base giornaliera.

XRP quotato a $0,33313 sul Investing.com Index, in perdita del 5,13%.

La capitalizzazione di mercato della moneta digitale Bitcoin era $65,21B, corrispondente al 54,49% del totale delle criptovalute, mentre il totale di mercato della moneta XRP toccava $13,45B, corrispondente al 11,24% del valore di tutte le valute digitali.

Leggi l’articolo completo qui

 

Liberatoria sui rischi: CFD sono degli strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L’ 63.18% dei conti degli investitori retail perdono denaro quando operano con i CFD con questo fornitore. le informazioni contenute in questa revisione del mercato non devono essere interpretate in alcun modo, in quanto contengono consulenza sugli investimenti e/o un suggerimento e/o sollecitazione per qualsiasi attività commerciale e transazione finanziaria. Non c’è garanzia e/o previsione di prestazioni future. EuropeFX, le sue affiliate, agenti, direttori o dipendenti non garantiscono l’accuratezza e la validità di qualsiasi informazione o dato reso disponibile e non si assumono alcuna responsabilità in merito a eventuali perdite derivanti da qualsiasi investimento basato sullo stesso. Il trading di Forex / CFD comporta un alto livello di rischio e può comportare la perdita dell’intero investimento. I Forex / CFD sono prodotti con leva e pertanto il trading di Forex / CFD potrebbe non essere appropriato per tutti gli investitori. Si consiglia di non investire più denaro di quanto si possa permettere di perdere per evitare significativi problemi finanziari in caso di perdite. Assicurati di definire il rischio massimo accettabile per te.

CFD sono degli strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L’ 79.99% dei conti degli investitori retail perdono denaro quando operano con i CFD con questo fornitore. Si dovrebbe considerare se si capisce come funzionano i CFD e se ci si può permettere l’ alto rischio di perdere denaro. Find more details about risk here.

eFXGO! App cellullare iOS ufficiale • Gratuito - disponibile su App Store

4.5/5