Revisione del Mercato 02-11

Revisione del Mercato 02-11

Notizie Forex

Brexit, fonte governativa britannica e Ue smentiscono accordo su servizi finanziari

Da: Reuters.com

Non si ancora perfezionato alcun accordo tra Regno Unito e Unione europea che garantisca una forma di accesso ai mercati europei alle aziende britanniche di servizi finanziari.

Lo riferisce una fonte governativa da Londra, smentendo quanto in un primo tempo dichiarato da una prima fonte — che confermava indiscrezioni del Times in edicola oggi — secondo cui un’intesa in merito sarebbe stata a portata di mano, pressoché raggiunta.

Da parte sua, la Commissione europea definisce infondate le voci sulla tempistica dell’accordo tornando a sottolineare che la discussione sulla Brexit resta in corso e procede secondo una precisa sequenza logica. Del futuro dei rapporti tra Unione europe e Gran Bretagna si negozierà infatti soltanto una volta giunti al divorzio di Londra da Bruxelles.

Il portavoce di Theresa May aveva già bollato le voci come “speculazione”, precisando che i colloqui sono ancora in corso.

Parlando di “progressi”, la stessa prima fonte riferiva che l’intesa si sarebbe basata sull’attuale sistema di reciprocità con la Ue (la cosiddetta ‘equivalenza’), avvertendo però che un accordo definitivo sui servizi finanziari è condizionato al raggiungimento di un’intesa sull’intero pacchetto Brexit entro la fine del mese.

Leggi l’articolo completo qui

Agenda macro: manifattura Italiana a rischio contrazione, NFP negli USA

Da: Money.it

L’agenda macro odierna vede in programmazione nella mattinata una carrellata di dati PMI manifatturieri elaborati da IHS Markit per le principali economie dell’area euro in mattinata. Particolarmente caldo il dato sul’Italia in quanto gli analisti stimano un calo dell’indice sotto i 50 punti, soglia sotto la quale si determinerebbe una contrazione del’attività manifatturiera.

Nel dettaglio, il dato sull’Italia è atteso per le ore 9:45. Il consensus rilevato da Bloomberg evidenzia aspettative in ribasso a 49,7 punti contro i 50 punti della precedente rilevazione.

Dopo il dato negativo sul Pil del terzo trimestre dell’anno rivelatosi pari allo 0%, gli analisti censiti da Bloomberg scontano già una contrazione dell’attività manifatturiera stimando il dato PMI Markit sotto la soglia critica dei 50 punti, in prossimità dei livelli registrati nel mese di agosto 2016.

È inoltre importante ricordare che dall’inizio dell’anno ogni rilevazione sull’attività manifatturiera elaborata da Markit è stata inferiore al consensus, eccetto per la rilevazione del mese di giugno. Per questo motivo non è da escludere per il rilascio del dato di oggi un valore ben peggiore a quello di consensus, che andrebbe a segnare un nuovo minimo a tre anni.

Negli Stati Uniti focus su dato NFP

Alle ore 13:00 focus Oltreoceano per il rilascio dei dati sui Non-farm Payrolls e sugli ordini di beni durevoli.

Il dato NFP relativo ad ottobre è atteso in aumento a 200 mila unità contro le 134 mila unità della misurazione precedente. A concludere la giornata il dato sugli ordinativi industriali in programmazione per le ore 15:00. La misurazione è attesa in contrazione dal 2,3% del dato precedente allo 0,5% di stima degli analisti.

Leggi l’articolo completo qui

 

Notizie mercato azionario

Borse Asia in rialzo grazie a segnali positivi Usa-Cina

Da: Reuters.com

Le borse dell’area Asia-Pacifico sono anche oggi in rialzo, ai massimi da tre settimane, dopo la notizia che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha chiesto al suo staff di dettagliare i termini di un possibile accordo sul commercio con la Cina dopo una telefonata col leader cinese Xi Jinping.

Secondo l’agenzia di stampa Bloomberg, che cita persone a conoscenza della vicenda, Trump intenderebbe raggiungere un accordo con Xi al summit G20 in Argentina, a fine mese. Una fonte ha riferito che uno dei punti fermi è comunque un accordo sul furto di proprietà intellettuale, materia su cui la Casa Bianca ha una posizione rigida, anche se non è chiaro se Trump abbia alleggerito le richieste.

La notizia giunge dopo che ieri i due leader hanno espresso ottimismo sulla possibilità di risolvere la disputa in corso, uno degli elementi che hanno provocato agitazione sui mercati.

TOKYO ha chiuso in rialzo di oltre il 2,5%, sulla scia di Wall Street, galvanizzata dai segnali positivi nelle relazioni Usa-Cina.

HONG KONG e SHANGHAI balzano rispettivamente del 3,8% e del 2,5%, anche grazie all’impegno del presidente cinese, riaffermato ieri, a sostenere l’economia, anche grazie a riduzioni fiscali e aiuti finanziari per le imprese private nazionali. Prada guadagna oltre l’11%. TAIWAN ha chiuso a +0,6%.

Leggi l’articolo completo qui

Borsa Usa, continua recupero, male Apple in attesa di risultati

Da: Reuters.com

Wall Street è positiva nella mattinata americana dopo le buone trimestrali che stanno guidando il terzo giorno di recupero dopo i pesanti cali accumulati nel mese di ottobre.

Ottimismo anche grazie alle parole del presidente americano Donald Trump che in un tweet ha parlato di un “colloquio molto buono” con il presidente cinese Xi Jinping a proposito di commercio e Corea del Nord. Trump ha anche anticipato che i due si incontreranno al prossimo G20.

Alle 15,45 ora italiana, il Dow Jones segna +0,6% così come il Nasdaq, mentre lo S&P 500 guadagna lo 0,5%.

Bene DowDuPont, in rialzo del 3,9% sulle trimestrali oltre le attese e l’annuncio di un riacquisto da parte dell’azienda di azioni per tre miliardi di dollari.

NXP Semiconductors balza del 9,7% dopo che il produttore di microchip ha superato le previsioni degli analisti, mentre American International Group segna +4,9% dopo che le sue perdite trimestrali si sono rivelate inferiori alle stime.

Male Apple (-0,3%) di cui sono attesi i risultati, in arrivo dopo la chiusura.

Spotify sprofonda del 7,4% dopo una trimestrale in linea con le attese e un leggero aumento degli abbonati premium.

Positiva Cigna Corp che dopo aver battuto le stime sulla trimestrale ha potuto alzare le previsioni per fine anno grazie a un taglio dei costi.

Leggi l’articolo completo qui

 

Notizie sulle criptovalute

Il Bitcoin e le altre cripto iniziano novembre in lieve rialzo

Da: Investing.com

Il prezzo delle principali criptovalute sale questo giovedì, nel primo giorno di scambi del nuovo mese ci sono state deboli pressioni di acquisto.

Il Bitcoin si attesta a 6.359,90 dollari sul Bitfinex alle 9:05 ET (13:05 GMT), su dello 0,4%, mentre prosegue il periodo relativamente sottotono della principale moneta digitale al mondo.

Il Bitcoin non viene scambiato al di fuori del range compreso tra 6.200 e 6.800 dollari dal 16 ottobre. Ha chiuso lo scorso mese con un crollo del 3,8%.
Oltre al Bitcoin, anche le altre principali monete digitali sono in salita.

L’Ethereum, la seconda principale criptovaluta per capitalizzazione di mercato, balza dell’1% a 198,51 dollari. Ha chiuso ottobre con un tonfo del 14,7%.

Intanto, il token XRP si attesta a 0,45219 dollari, con rimbalzo dell’1,5% sulla giornata. Ad ottobre è crollato del 22,1%, diventando la valuta virtuale con la performance peggiore del mese scorso.

Su anche il Litecoin, in salita dell’1% a 49,97 dollari.

Leggi l’articolo completo qui

 

Liberatoria sui rischi: le informazioni contenute in questa revisione del mercato non devono essere interpretate in alcun modo, in quanto contengono consulenza sugli investimenti e/o un suggerimento e/o sollecitazione per qualsiasi attività commerciale e transazione finanziaria. Non c’è garanzia e/o previsione di prestazioni future. EuropeFX, le sue affiliate, agenti, direttori o dipendenti non garantiscono l’accuratezza e la validità di qualsiasi informazione o dato reso disponibile e non si assumono alcuna responsabilità in merito a eventuali perdite derivanti da qualsiasi investimento basato sullo stesso. Il trading di Forex / CFD comporta un alto livello di rischio e può comportare la perdita dell’intero investimento. I Forex / CFD sono prodotti con leva e pertanto il trading di Forex / CFD potrebbe non essere appropriato per tutti gli investitori. Si consiglia di non investire più denaro di quanto si possa permettere di perdere per evitare significativi problemi finanziari in caso di perdite. Assicurati di definire il rischio massimo accettabile per te.

CFD sono degli strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L’ 79.99% dei conti degli investitori retail perdono denaro quando operano con i CFD con questo fornitore. Si dovrebbe considerare se si capisce come funzionano i CFD e se ci si può permettere l’ alto rischio di perdere denaro. Find more details about risk here.

eFXGO! App cellullare iOS ufficiale • Gratuito - disponibile su App Store

4.5/5